Da lunedì 16 settembre disponibili i biglietti di tutti i concerti della stagione

Missione e valori

L'impegno della GOG a favore della cultura musicale

Salvatore Accardo, Orchestra Giovanile Italiana | GOG Genova

La mission della GOG: promozione e diffusione della cultura musicale

La missione della GOG è promuovere la musica di alta qualità e favorire la diffusione della cultura musicale, quale occasione unica di arricchimento e crescita della vita delle persone e della società in cui esse agiscono.
Troviamo espressa la missione della GOG già in una lettera inviata dal suo fondatore Padre Giovanni Semeria al presidente della GOG Corrado Marchi nell’agosto 1912 dal suo esilio a Bruxelles: “… le città moderne hanno bisogno di queste oasi artistiche, per non ridursi a un deserto spirituale, un deserto ove si lotta ferocemente e ci si esaurisce per la conquista di un osso… Non rimane che proseguire per questa via: fare dell’arte, della buona, severa arte musicale

Lo Statuto della GOG individua la missione primaria dell’associazione: «Promuovere e favorire ogni altra manifestazione atta a diffondere la cultura musicale», ma sottolinea anche che deve perseguire esclusivamente «finalità di utilità sociale».

Avviso GOG 1912_GenovaI valori che guidano la sua azione sono:

  • Qualità

  • Competenza

  • Innovazione

  • Dedizione

  • Serietà

  • Legame con la città

  • Attenzione ai giovani

  • Trasparenza.

La GOG persegue il raggiungimento della sua missione organizzando stagioni di concerti di significativa rilevanza culturale ed esprimendo per ogni cartellone un preciso filone tematico e concettuale che coinvolge tutti i concerti.
Attira a Genova celebri artisti ma anche giovani solisti ed ensemble e vincitori di concorsi internazionali ("Chopin" di Varsavia, "Čajkovskij" di Mosca, "Busoni" di Bolzano, "Borciani" di Reggio Emilia, "Viotti" di Vercelli, "Paganini" di Genova, solo per citarne alcuni).
Da sempre è attenta a ogni flusso di rinnovamento, avanguardia ed evoluzione musicale e, in particolar modo, la GOG si prodiga di inserire in ogni stagione uno o più concerti che approfondiscono temi, strumenti e sonorità che non appartengono alla tradizione prettamente europeo-occidentale, ma ad altre realtà mondiali. Promuove il recupero, la riscoperta e la diffusione di musiche antiche e quasi dimenticate di diversi paesi, invitando artisti ed ensemble noti per il loro assiduo lavoro storico-filologico.

Quartetti Mozart_GOG

Grazie alla collaborazione con i principali enti culturali della città di Genova (in primis Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura), la GOG attua ogni anno una importante opera di approfondimento del discorso musicale organizzando cicli, rassegne, concerti speciali ed eventi culturali in occasione dei quali intervengono personaggi del mondo accademico e letterario del calibro di Philippe Daverio, Quirino Principe, Giorgio Pestelli e Danilo Farevelli.

La GOG per i giovani e i detenuti

La dedizione nei confronti dell’ambito giovanile e formativo porta la GOG a definire attività, anche ludico-teatrali, di invito all’ascolto e approfondimento musicale, come meglio descritto nella sezione La GOG per la scuola.
La GOG crede fermamente nel valore della musica quale bene per tutti e ha sviluppato una specifica attività formativa e culturale per i detenuti.
Dal 2010 ha organizzato lezioni e un concerto dal vivo di un quartetto d’archi per i detenuti della casa circondariale di Marassi. Dall’ottobre 2016 l’attività si è estesa alla casa circondariale femminile di Pontedecimo.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK