Le Sinfonie di Beethoven: Palazzo Ducale, 6, 7 e 17 novembre 2021
Autunno a Spinola

Antonella Bini, Gabriele Rota

4 novembre 2021 ore 16:30 Galleria Nazionale di Palazzo Spinola

INTERPRETI

  • Antonella Bini flauto
  • Gabriele Rota pianoforte

PROGRAMMA

"Pinakes Musicali"

  • Claude Debussy
    Bilitis
    (I. Pour invoquer Pan, dieuduvent d'été - II. Pour un tombeau sans nom -
    III. Pour que la nuit soit propice - IV. Pour la danseuese aux crotales -
    V. Pour l'Egyptienne - VI. Pour remercier la pluìe au matìn)
  • Kazuo Fukushima
    Mei per flauto in sol e pianoforte
  • Bruno Bettinelli
    Sonatina da concerto per flauto e pianoforte
  • Claude Debussy
    2 Preludes per pianoforte solo
  • Vittorio Fellegara
    Berceuse per flauto e pianoforte
  • Albert Roussel
    Joueurs de Flute per flauto e pianoforte

Ingresso € 3,00 con accesso al Palazzo previa prenotazione obbligatoria il lunedì, martedì e mercoledì, dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18, ai numeri 333 5627602, 340 6365750, 347 0814676 a partire dal lunedì precedente al concerto. I posti disponibili saranno 40.

Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

ACCESSO AI CONCERTI: DISPOSIZIONI MINISTERIALI

Dal 6 agosto 2021, per disposizione ministeriale, l'accesso ai concerti è consentito a coloro in grado di presentare la certificazione verde COVID-19; tale documento accettato in forma digitale e cartacea, contiene un codice QR e un sigillo elettronico qualificato e attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore;
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.

"...She is a very talented musician, with a destinctive dedication to the interpretation of contemporary music. She is a very strong flutist with a beautiful and flexible sound which is very effective fort the various techniques required to perform contemporary music..." Carin Levine, flutist

Antonella Bini spazia dal classico al contemporaneo suonando, anche all'interno dello stesso brano, dall’ottavino al flauto contrabbasso.
È l'unica flautista italiana Laureata C.I.M.A, prestigioso premio nell'ambito CIMA - Festival Internazionale di Musica - patrocinato da S.A.R. Christina dei Paesi Bassi.
È flautista stabile, nonché socia fondatrice, di ACHЯOME ensemble (Milano) e dal 2014 è flautista stabile di ArtEnsemble di Berlino ed è stata per molti anni flautista stabile di Eutopia Ensemble (Genova); inoltre ha collaborato con mdi ensemble (Milano) e in qualità di primo flauto, con l'Orchestra di Milano Classica.
La sua attività concertistica - solista, in duo con il pianista Gabriele Rota, in formazione di ensemble contemporaneo, la fa esibire per prestigiose manifestazioni in sale e in teatri di città estere (Berlino, Wollbach, Lipsia, Basilea, Stoccarda Fulda, Winterthur, Cenon/Bordeaux, Bacau, Ginevra, Vienna) e italiane (Milano, Roma, Bergamo, Genova, Firenze, Reggio Emilia, Fidenza, Modena, Trino, Como, Modena, Venezia).
In ensemble contemporaneo si é esibita per Preludio live stream, RAI Radio 3 - Piazza Verdi, RADIO CEMAT e da solista per NoMus – live streaming.
Come flautista Antonella Bini ha partecipato a MiTo Settembre Musica 2020 con l’opera TOCCARE-The white dance, Premio Miglior Produzione 2020 Danza&Danza. Collabora con Compositori di diverse nazionalità di cui è anche dedicataria di alcune loro composizioni.
Ha inciso l'opera omnia per flauto solo e Chamber Music Works per ensemble di D. Anzaghi, ed è presente in altri vari CD con sue interpretazioni di: U. Bombardelli Come potresti per flauto solo e soprano, B. Campodonico Blaue Worte per flauto solo e Variazioni all'Infinito per 5 flauti/1 esecutore, G. Colombo Taccani Parade per flauto, clarinetto, chitarra e Brace per flauto contrabbasso, F. Biscione - A. Cara-P. Coggiola Music for Dummies Contemporary Chamber Music, A. Scarlatti Sinfonia n. 7 in sol minore per flauto, archi e basso continuo, E. Elgar Love's Greeting per flauto, violoncello e orchestra.
Ha tenuto workshop di flauto contrabbasso per Lucca International Festival composers & chamber music e per la classe di composizione di musica da film al Conservatorio “Verdi” di Milano, e con ACHЯOME ensemble laboratori di esecuzione di musica contemporanea al Conservatorio “Verdi” di Como e al Liceo Musicale "Secco Suardo" di Bergamo.
Antonella Bini ha completato i suoi studi con i corsi di "Alto Perfezionamento in Flauto Traverso" del M° M. Marasco e di ottavino del M° N. Mazzanti; con il M° Ancillotti ha conseguito il Diploma di Post-Formazione al CSI di Lugano e ha seguito inoltre masterclass di C. Levine, E. Pahud, Klemm, Oliva, Kujiken, M. Caroli e in particolar modo ha curato la sua formazione cameristica con il M° Damerini e per la musica contemporanea con il M° Pestalozza. Antonella Bini ha conseguito con il massimo dei voti sia la laurea di II° livello in Discipline Musicali - Flauto Traverso (Conservatorio "Cantelli", Novara) che il Diploma Accademico di II° Livello in Bi.For.Doc per flauto traverso (Conservatorio "Verdi", Milano).
Il suo saggio Sofija Asgatovna Gubajdulina – Ottant’anni dedicati alla musica è pubblicato in e-book dalla casa editrice LeggereLeggere (Milano) e il suo articolo Sofija Gubaidulina: vivere nella verità e non nell'errore compare nella rivista Poesia e Conoscenza (N.3/2018 - Edizioni Progetto Cultura).
È stata segnalata nel 2011 per le Borse di Studio Severino Gazzelloni.
Nel 2010 Antonella Bini si è laureata in Conservazione dei Beni Culturali – Curriculum Storico/Artistico all'Università degli Studi di Genova, sua città natale.
Possiede e suona tutta la famiglia dei flauti: ottavino - flauto sopranino in fa - flauto in do  - flauto in sol, flauto basso, flauto contrabbasso in do.

"La sua facoltà di assimilare stili diversi è miracolosa quanto quella di imprimere nelle dita lavori di grande difficoltà. Gabriele Rota ha tutte le carte in regola per una carriera internazionale." Aldo Ciccolini 

Gabriele Rota si è diplomato in pianoforte, con il massimo dei voti e la lode, sotto la guida di Tiziana Moneta e in composizione con Vittorio Fellegara al Conservatorio “Donizetti” di Bergamo.
Ha in seguito studiato alle Accademie di Biella e di Roma con Aldo Ciccolini.
Ha inoltre seguito Masterclass con Jörg Demus e Sequeira Costa. 
Nel 1986 ha costituito con Tiziana Moneta un Duo pianistico internazionalmente noto come una delle formazioni più interessanti del panorama musicale, ospite delle più prestigiose istituzioni concertistiche italiane ed europee.
In Duo, Gabriele Rota ha inciso numerosi CD comprendenti, tra l’altro, la prima registrazione mondiale di lavori di Respighi e Brahms, l’opera integrale per duo pianistico di Debussy, Ravel e Dvořák, e numerose prime assolute, scritte appositamente da importanti compositori italiani.
Il pianista bergamasco svolge un’intensa attività cameristica anche con altri musicisti.
Nel 2011 ha avviato una collaborazione con la flautista Antonella Bini che ha portato i due interpreti a esibirsi in numerose Rassegne e Festival, anche in diretta radiofonica, in un repertorio che spazia dal classico al contemporaneo, spesso con composizioni loro espressamente dedicate da insigni autori.
Con il clarinettista Rocco Parisi ha registrato diversi CD dedicati al Novecento italiano, a rarità e trascrizioni; ultimamente è in preparazione un disco con musiche cameristiche di Nino Rota.
L’interpretazione di brani di Ennio Morricone da parte di Parisi e Rota è stata molto apprezzata dallo stesso compositore, che ha lodato “la bella esecuzione, molto sentita e sensibile”.
Gabriele Rota è anche protagonista di recital solistici in Italia e all’estero; spesso si esibisce con la partecipazione di attori (Sonia Grandis, Enzo Guerini e Gabriele Laterza tra gli altri) per la lettura di brani poetici, con musiche di Schubert, Chopin, Brahms, Debussy e proprie creazioni.
È inoltre membro stabile dell’ACHROME Ensemble, che si dedica alla diffusione del repertorio novecentesco e contemporaneo in Italia e all’estero.
Dal 2004 al 2016 è stato segretario della Società Italiana di Musica Contemporanea (SIMC), carica a lungo ricoperta da Vittorio Fellegara.
Composizioni di Gabriele Rota sono state eseguite in Italia e all’estero e pubblicate dalla Bèrben.
La rivista Seicorde ha scelto il suo "Notturno e Divertissement" per voce e chitarra quale "Spartito del mese".
Gabriele Rota tiene abitualmente conferenze di argomento musicale; nel 2008 ha partecipato al Convegno internazionale di studi “Giacomo Puccini 1858-2008”, tenutosi tra Lucca e Milano e promosso dal Comitato nazionale per le celebrazioni pucciniane.
È attualmente titolare della cattedra di Lettura della Partitura presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano.  

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK