Notturni en plein air a Palazzo Ducale: prenota qui il tuo posto
I Notturni en plein air a Palazzo Ducale

Alexander Gadjiev

Dal 30 luglio al 30 luglio 2020 Palazzo Ducale

INTERPRETI

  • Alexander Gadjiev pianoforte

PROGRAMMA

  • Ludwig van Beethoven
    Sonata in re maggiore op. 28 Pastorale
  • Fryderyk Chopin
    Ballata n. 2 in fa maggiore op. 38
    Polacca in fa diesis minore op. 44

Scegli l'orario e prenota il tuo posto su Eventbrite

I Notturni en plein air quest’anno si svolgono seguendo i protocolli di sicurezza anti Covid-19. Per assistere ad essi è pertanto necessario effettuare una prenotazione su Eventbrite.
I concerti sono come sempre gratuiti e quest'anno, per favorire la fruizione del concerto al maggior numero di spettatori possibile e grazie alla disponibilità degli artisti, con doppia replica: alle ore 20.30 e alle 22.15. Per ognuna di esse l'ingresso è limitato e regolamentato esclusivamente dalla prenotazione online.
Fra un concerto e l'altro sarà sanificata l'intera area.
Ricordiamo inoltre al pubblico che per accedere al Cortile Maggiore è obbligatorio indossare una mascherina di protezione.

La GOG avvisa, inoltre - data la possibilità di cancellazioni delle prenotazioni online, dell'eventuale disponibilità di posti a sedere. Consigliamo, quindi, a coloro che non sono riusciti a prenotare gli spettacoli di contattare telefonicamente o via mail gli uffici GOG (010 8698216, info@gog.it) qualche ora prima dei concerti per domandare la possibilità di accedere a una delle repliche previste per ogni serata.

Terminato

La sesta edizione de I Notturni en plein air avviene in un momento particolare e coincide con l’anno nel quale il mondo ricorda i duecentocinquant’anni della nascita di un grandissimo uomo, Ludwig van Beethoven.
Durante la serie dei concerti ascolteremo alcune pagine di composizioni di Beethoven che trovano nella sonorità del pianoforte un ideale contatto con l’emozione della notte, delle tensioni e dei riflessi luminosi ad essa ispirati.
Non possiamo dimenticare l’origine irlandese di queste composizioni create da John Field all’inizio dell’ottocento, derivate dal bel canto e dalla vocalità operistica, o gli straordinari Notturni di Chopin che hanno conferito al pianoforte un ruolo espressivo e drammatico davvero eterno.
I programmi di questo ciclo propongono straordinarie composizioni strutturate sia formalmente che emozionalmente secondo percorsi diversi da quelli tradizionali del Notturni, ma ricche di bellezza e qualità virtuosistica di netto profilo pianistico.

Esposizione musicale e cultura Mitteleuropea: Alexander Gadjiev deve la prima alla sua famiglia, con madre e padre entrambi didatti e musicisti, e la seconda a Gorizia – sua città d’origine – naturale crocevia di popoli, culture, lingue.
Fattori che hanno entrambi avuto una influenza determinante sulla sua naturale capacità di assorbire, elaborare e rivisitare con gusto proprio stili e linguaggi musicali diversi.
Seguendo gli insegnamenti del padre, noto didatta russo, Alexander Gadjiev si è esibito per la prima volta con orchestra a 9 anni e ha tenuto il primo recital solistico a 10.
Si è diplomato a 17 anni con il massimo dei voti, la lode e menzione speciale.
Questo gli ha consentito di partecipare al Premio Venezia - concorso riservato ai migliori diplomati d’Italia – e di vincerne la XXX edizione.
I numerosi concerti del Premio Venezia lo hanno condotto a esibirsi in tutta Italia e all’estero (Londra, Parigi, Madrid, Dublino).
Nel dicembre 2015 la svolta internazionale: a soli vent’anni, al 9° Concorso Pianistico Internazionale di Hamamatsu, uno dei dieci concorsi pianistici più prestigiosi al mondo, la giuria composta, tra gli altri, da Martha Argerich, Akiko Ebi, Sergey Babayan, lo ha decretato vincitore assoluto. Le sue esecuzioni hanno inoltre incantato Hamamatsu, vincendo anche il premio del pubblico.
Da allora, Alexander Gadjiev è regolarmente invitato ad esibirsi in tournée in Giappone e ad importanti Festival pianistici.
Ad ottobre 2018 è giunta una nuova riconferma a livello internazionale, con il trionfo al “Monte-Carlo World Piano Masters Competition”, vetrina d’élite riservata solo a pianisti già vincitori di altri premi; la giuria, presieduta da Phillippe Entremont, gli conferisce il Prix Prince Rainier III, e con esso numerosi concerti in Francia, ed Europa.
Recentemente inoltre gli è stata conferita una prestigiosa nomina: dal settembre 2019 a tutto il 2021 sarà infatti “BBC New Generation Artist”, un titolo di cui solo pochi giovani musicisti si possono fregiare. Questo programma, lanciato dalla celebre Radio britannica gli permetterà di incidere numerose volte presso gli Studios londinesi e di esibirsi in prestigiosi festival inglesi, debuttare alla Wigmore Hall e collaborare con varie orchestre BBC.
Alexander Gadjiev ha suonato in importanti teatri e sale da concerto e con orchestre di rilievo internazionale, diretto da alcune tra le più autorevoli bacchette internazionali.
Ha inciso per Suonare News, per Acousence Records e per ALM Records Japan, mentre i suoi concerti sono stati trasmessi da Rai Radio3, Rai3, Espace 2 Suisse, Radio Vaticana, Radio Classica, ORF, RTV Slovenija, Radio Koper.
Attualmente Alexander Gadjiev si sta perfezionando con Pavel Gililov presso il Mozarteum di Salisburgo e con Eldar Nebolsin alla “Hanns Eisler” di Berlino e partecipa a masterclass prestigiose quali la "Eppan Piano Academy" e la "Verbier Piano Academy", entrambe riservate ad un ridottissimo numero di pianisti selezionati da tutto il mondo.
All’ultimo Festival Verbier Alexander Gadjiev ha vinto il prestigioso premio “Tabor Foundation Piano Award”, destinato al miglior pianista dell’Accademia.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK