La stagione 2022/2023: scopri i 25 concerti al Teatro Carlo Felice e le modalità per abbonarti
Stagione Inverno/Primavera

Uto Ughi, Michail Lifits

17 gennaio 2022 ore 20:30 Teatro Carlo Felice Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Uto Ughi violino
  • Michail Lifits pianoforte

PROGRAMMA

  • Tomaso Antonio Vitali
    Ciaccona in sol minore per violino e basso continuo
  • César Franck
    Sonata in la maggiore
  • Johannes Brahms
    Sonata n. 3 in re minore op. 108
  • Camille Saint-Saëns
    Introduction et Rondò capriccioso op. 28

Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

DONA ORA

Sostieni con noi la musica che ami e recupera il 65% della tua donazione grazie ad Art Bonus.
Fai ora la tua donazione.

ACCESSO AI CONCERTI: DISPOSIZIONI MINISTERIALI

Per disposizione ministeriale, l'accesso ai concerti è consentito a coloro in grado di presentare la certificazione verde COVID-19 "Green pass rafforzato". Tale documento accettato in forma digitale e cartacea, contiene un codice QR e un sigillo elettronico qualificato e attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.

Inoltre, è obbligatorio indossare una mascherina di tipo FFP2.

Terminato
Foto
Video
Uto Ughi Michail Lifits Uto Ughi Michail Lifits Uto Ughi Uto Ughi | Teatro Carlo Felice, Genova Uto Ughi | Genova Uto Ughi | Teatro Carlo Felice, Genova Michail Lifits

Erede della tradizione che ha visto nascere e fiorire in Italia le prime grandi scuole violinistiche, Uto Ughi ha mostrato uno straordinario talento fin dalla prima infanzia: all'età di sette anni si è esibito per la prima volta in pubblico eseguendo la Ciaccona dalla Partita n. 2 di Bach ed alcuni Capricci di Paganini.
Ha studiato sotto la guida di George Enescu, già maestro di Yehudi Menuhin.
Quando era solo dodicenne, la critica scriveva: "Uto Ughi deve considerarsi un concertista artisticamente e tecnicamente maturo".
Uto Ughi ha iniziato le sue grandi tournée europee esibendosi nelle più importanti capitali europee e da allora la sua carriera non ha conosciuto soste. Ha suonato, infatti, in tutto il mondo, nei principali Festival con le più rinomate orchestre sinfoniche sotto la direzione di Maestri quali Barbirolli, Bychkov, Celibidache, Cluytens, Chung, Ceccato, Colon, Davis, Fruhbeck de Burgos, Gatti, Gergiev, Giulini, Kondrascin, Jansons, Leitner, Lu Jia, Inbal, Maazel, Masur, Mehta, Nagano, Penderecki, Pretre, Rostropovich, Sanderlin, Sargent, Sawallisch, Sinopoli, Slatkin, Spivakov, Temirkanov.
Uto Ughi non limita i suoi interessi alla sola musica, ma è in prima linea nella vita sociale del Paese e il suo impegno è volto soprattutto alla salvaguardia del patrimonio artistico nazionale. In quest'ottica ha fondato il Festival "Omaggio a Venezia", al fine di segnalare e raccogliere fondi per il restauro dei monumenti storici della città lagunare.
Conclusa quell'esperienza, il Festival "Omaggio a Roma" (dal 1999 al 2002) ne raccoglie l'ideale eredità di impegno fattivo, mirando alla diffusione del grande patrimonio musicale internazionale attraverso concerti aperti gratuitamente al pubblico ed alla valorizzazione dei giovani talenti formatisi nei conservatori italiani.
Tali ideali sono stati ripresi nel 2003 e attualmente portati avanti dal festival "Uto Ughi per Roma" di cui Uto Ughi è ideatore, fondatore e direttore artistico.
La Presidenza del Consiglio dei Ministri ha nominato Uto Ughi Presidente della Commissione incaricata di studiare una campagna di comunicazione a favore della diffusione della musica classica presso il pubblico giovanile.
Il 4 settembre 1997 il Presidente della Repubblica gli ha conferito l'onorificenza di Cavaliere di Gran Croce per i suoi meriti artistici.
Nell'aprile 2002 gli è stata assegnata la Laurea Honoris Causa in Scienza delle Comunicazioni.
Uto Ughi suona con un violino Guarneri del Gesù del 1744, che possiede un suono caldo dal timbro scuro ed è forse uno dei più bei "Guarneri" esistenti, e con uno Stradivari del 1701 denominato "Kreutzer" perché appartenuto all'omonimo violinista a cui Beethoven aveva dedicato la famosa Sonata.

Recensito dal Frankfurter Allgemeine Zeitung con toni entusiastici per "la magnifica propensione ai colori", Michail Lifits ha rapidamente catturato l'attenzione internazionale.
La sua musicalità avvolgente e "la maturità del suono, che appare piena di saggezza" (Süddeutsche Zeitung) sono state accolte calorosamente dal pubblico e dalla critica di tutto il mondo.
Nato a Tashkent, in Uzbekistan, e trasferitosi in Germania all'età di 16 anni, Michail Lifits vive da allora ad Hannover, città con cui sente una profonda consonanza artistica e culturale.
Ha studiato alla Hochschule für Musik und Theater con Karl-Heinz Kämmerling e Bernd Goetzke, proseguendo gli studi all'Accademia Internazionale di Imola con Boris Petrushansky che ha rivestito un ruolo importante nella sua crescita artistica.
Dopo la vittoria della 57° edizione del Concorso "Busoni" di Bolzano nel 2009, Michail Lifits ha calcato i palcoscenici dei più importanti teatri internazionali: Carnegie Hall e Lincoln Centre a New York, Philharmonie a Berlino, Herkulessaal e Philharmonie a Monaco, Laeiszhalle ad Amburgo, Sala Verdi a Milano, Tonhalle a Zurigo, Concertgebouw ad Amsterdam e Palais des Beaux-Arts a Bruxelles.

In occasione del concerto al Teatro Carlo Felice di lunedì 17 gennaio con il pianista Michail Lifits, la GOG consegnerà a Uto Ughi un piatto d'argento con dedica: un riconoscimento nato su iniziativa del Presidente Nicola Costa e del Direttore Artistico Pietro Borgonovo.
La cerimonia intende celebrare il primo concerto del 2022, i 63 anni di assidua frequentazione di Uto Ughi all'interno delle stagioni GOG, nonché il compleanno del Maestro che ricorre il 21 gennaio.
"Questo gesto vuole sottolineare il lungo e immutato affetto per uno straordinario personaggio, grande musicista dall'aura carismatica - sottolinea Pietro Borgonovo - Uto Ughi era un adolescente quando per la prima volta si esibì alla GOG. La Giovine Orchestra Genovese non poteva non celebrare un artista che è rimasto "giovine" nell'animo. (Il Secolo XIX, 16 gennaio 2022)

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK