Beethoven compie 250 anni: festeggialo alla GOG!
Stagione 2019/2020

Tatarstan Symphony Orchestra, Alexander Sladkovsky, Sayaka Shoji

20 aprile 2020 ore 20:30 Teatro Carlo Felice Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Tatarstan Symphony Orchestra
  • Alexander Sladkovsky direttore
  • Sayaka Shoji violino

PROGRAMMA

  • Ludwig van Beethoven
    Concerto per violino e orchestra in re maggiore op. 61
  • Johannes Brahms
    Sinfonia n. 1 in do minore op. 68
Foto
Video
Tatarstan Symphony Orchestra Alexander Sladkovsky Sayaka Shoji Alexander Sladkovsky Tatarstan Symphony Orchestra Alexander Sladkovsky Alexander Sladkovsky Sayaka Shoji Sayaka Shoji

Beethoven e Brahms a confronto nel concerto della Tatarstan Symphony Orchestra, diretta da Alexander Sladkovsky e affiancata dal violino di Sayaka Shoji: il pensiero beethoveniano e i riferimenti al suo modello sinfonico sono infatti centrali nella Prima Sinfonia del Maestro di Amburgo, da lui composta quando aveva superato i quarant'anni, che venne accolta dal celebre direttore Hans von Bülow come la "decima di Beethoven", come se Brahms fosse il degno erede di quest'ultimo.

La Tatarstan Symphony Orchestra è universalmente riconosciuta per le interpretazioni sofisticate e la ricchezza delle sue programmazioni. L'Orchestra è nata nel 1966 su iniziativa di Nazib Zhiganov, ex Presidente dell'Unione dei Compositori del Tatarstan e Rettore del Conservatorio di Kazan.
La formazione ha debuttato il 10 aprile 1967, diretta da Natan Rakhlin.
Con l'attuale direzione di Alexander Sladkovsky, la Tatarstan Symphony Orchestra ha sviluppato vari progetti in ambito socio-educativo: fra i programmi spiccano proposte ed eventi culturali a favore di bambini malati e affetti da disabilità. Per il proprio impegno sociale e umanitario, l'orchestra è stata premiata due volte dal Presidente della Repubblica del Tatarstan.

Descritta dalla rivista Gramophone come “una formidabile musicista, in grado di attingere ad enormi riserve tecniche e di raccogliere qualsiasi sfida le venga lanciata”, Sayaka Shoji è stata la prima artista giapponese e la concorrente più giovane a vincere il Premio Paganini nel 1999.
Suona il prezioso violino Stradivari Recamier del 1729.

  • Vedi la bio di Alexander Sladkovsky e della Tatarstan Symphony Orchestra
  • Vedi la bio di Sayaka Shoji
Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK