Concerti sospesi dal 26 ottobre al 24 novembre come da ultimo DPCM

Carlo Galante presenta "Le due Lune di Marte"

Carlo Galante

Il compositore e docente Carlo Galante presenta il suo ultimo lavoro, "Le due Lune di Marte - Dialogo lirico per clarinetto e violoncello", eseguito lunedì 19 ottobre 2020 al Teatro Carlo Felice di Genova per la stagione autunnale 2020/2021 in occasione del concerto del trio formato dal clarinettista Giampiero Sobrino, dalla violoncellista Sara Airoldi e dal pianista Giuseppe Albanese.

Come due satelliti che girano incessantemente attorno al proprio pianeta da cui sono inesorabilmente attratti, così i due strumenti, il clarinetto e il violoncello, cantano attorno ad un misterioso oggetto di desiderio che non appare, non si può toccare né vedere, ma che agisce profondamente sulla loro natura strumentale.
Lunghe volute melodiche formano frasi musicali d’inquieto lirismo; i registri strumentali usati sono frequentemente agli estremi delle possibilità tecniche dei due strumenti e in queste zone impervie ma piene di mistero i due timbri tendono a mischiarsi, confondersi, diventare uno solo.
La forma musicale complessiva ha un suo chiaro disegno che, sebbene sia irregolare, è scandito da frasi musicali ben riconoscibili. Un elemento vorticoso e ascendente in sestine ha il duplice scopo di evocare un volo e di delimitare la durata delle frasi che mano a mano diventano sempre più ampie e tormentate.
Una breve sezione ritmica e appuntita cerca di contrastare l’inquietudine melodica del brano, ma viene come risucchiata da quell’interlocutore oscuro e sconosciuto che sta al centro, quasi oltre la musica, fissato nell’immaginazione del compositore ed espresso dalle movenze strumentali ma anche corporee dei due esecutori.
Il piede ritmico dell’anapesto, come una marcia appena sussurrata, disegna la coda finale del brano che melanconica e arcana si spegne sommessamente nel pianissimo; la visione dei due pianeti (dei due strumenti) si allontana e si perde nell’infinito.
Il brano è dedicato a Giampiero Sobrino e Sara Airoldi che sono al contempo due splendidi musicisti e due cari amici.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK