Stagione GOG Inverno/Primavera 2022 - Scopri il programma e acquista il tuo abbonamento
Follia Musicale a Quarto

Follia Musicale: Enrico Pieranunzi

6 ottobre 2021 ore 20:30 Ex Ospedale Psichiatrico di Quarto Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Enrico Pieranunzi pianoforte

    PROGRAMMA

    • Il tempo dell'istante: piccole epifanie, colpi d'ineffabile (Jacqueline Risset)

    Ingresso: € 5

    Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

    ACCESSO AI CONCERTI: DISPOSIZIONI MINISTERIALI

    Dal 6 agosto 2021, per disposizione ministeriale, l'accesso ai concerti è consentito a coloro in grado di presentare la certificazione verde COVID-19; tale documento accettato in forma digitale e cartacea, contiene un codice QR e un sigillo elettronico qualificato e attesta una delle seguenti condizioni:

    • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
    • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore;
    • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.
      Terminato

      L'idea di costruire un Luogo della Cultura dedicato alla Salute nasce dalla necessità di pensare a nuovi scenari, cercando di ripristinare un dialogo oggi confinato tra i soli "addetti ai lavori", aprendo il discorso della cura, alla sua natura multidisciplinare, affinché maturi una sua dimensione culturale attraverso le pratiche della comunicazione e dell’arte in tutte le sue espressioni.
      Il Manicomio dunque un luogo che si apre alla città non più per chiudervi dentro le persone in difficoltà, come è avvenuto per più di un secolo, ma per contribuire alla crescita della cultura delle relazioni, della convivenza e della partecipazione democratica. 
      In questo percorso si è affiancata la GOG, convinta che si debba creare cultura, fare musica, aprire i luoghi dove le persone stanno insieme, condividendo emozioni e saperi.
      La GOG è inoltre interessata a coltivare il legame tra ispirazione, creazione musicale, improvvisazione, irrazionalità, istinto, genialità e follia.
      La Follia è un tema musicale di origine portoghese derivato da tradizioni popolari del canto. Il suo percorso nella musica dal secolo XVI ha in seguito incontrato l’interesse di molti compositori attraverso l’impiego della capacità virtuosistica.
      Possiamo citare tra quelli a noi ancora oggi noti Girolamo Frescobaldi, Jean-Baptiste Lully, François Couperin, Marin Marais, Francesco Geminiani, Arcangelo Corelli e Antonio Vivaldi.
      La nostra attenzione è rivolta al concetto dell'ispirazione, alla potenza dell'improvvisazione intesa come gesto creativo di colui che domina lo strumento da virtuoso.
      Ecco la scelta di un incontro con un grande pianista in possesso del'’arte dell’improvvisazione attraverso la conoscenza di molti stili. Ed ecco spiegata la ragione per cui vengono proposti tutti i Capricci di Paganini, esempio assoluto della capacità, per un geniale compositore, di scrivere pagine insuperabili di espressione musicale attraverso il virtuosismo strumentale

      Follia Musicale s'inserisce nel percorso di riconnessione culturale dell’ex Ospedale Psichiatrico di Quarto con la città.
      Negli ultimi anni, si è aperto lo Spazio 21, le ex cucine del Manicomio: un luogo di ricerca per una nuova riflessione sulla salute. Un luogo paradigmatico per indagare questi aspetti, ricco di memorie e suggestioni, che vuole diventare un polo culturale aperto, accogliente e inclusivo. 

      Pianista, compositore e arrangiatore, Enrico Pieranunzi è tra i più noti ed apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale.
      Ha registrato più di 80 CD a suo nome spaziando dal piano solo al quintetto e collaborando, in concerto o in studio d’incisione, con Chet Baker, Lee Konitz, Paul Motian, Charlie Haden, Chris Potter, Marc Johnson, Joey Baron.
      Si è esibito, oltre che sui palcoscenici dei principali paesi europei, in Sud America, Giappone, e, numerose volte, negli Stati Uniti.
      Enrico Pieranunzi è l'unico musicista italiano ad aver suonato e registrato più volte a suo nome nello storico "Village Vanguard" di New York.
      Tra i numerosi riconoscimenti per la sua attività musicale le affermazioni (1989, 2003, 2008, 2020) come miglior musicista italiano nell’annuale referendum "Top Jazz" della  rivista "Musica Jazz", il "Django d’Or" francese (1997) come miglior musicista europeo, l'Echo Award 2014 in Germania come "Best International Piano Player" e il premio "Una vita per il jazz" assegnatogli ancora nel 2014 dalla rivista Musica Jazz.
      Parecchie sue composizioni sono diventate veri e propri standard suonati e registrati da musicisti di  tutto il mondo. Tra queste "Night Bird”, "Don’t forget the poet”, "Les Amants", "Fellini’s Waltz", “Je ne sais quoi", "Trasnoche", "Coralie". Alcune di esse sono state pubblicate nei prestigiosi "New Real Book" statunitensi.
      Nel 2009 il musicologo e giornalista francese Ludovic Florin ha presentato alla Sorbona come sua tesi di Dottorato un ampio scritto dedicato al linguaggio musicale del pianista italiano dal titolo: "Par-delà les clivages ou l’harmonie des contraires: une approche de la musique d'Enrico Pieranunzi”.
      È stato scritto su Enrico Pieranunzi: "Enrico Pieranunzi immette nuova linfa nel jazz contemporaneo" (Ray Spencer, Jazz Journal), "Il più lirico e fantasioso tra i pianisti di oggi" (All about jazz), "Tra i migliori pianisti del mondo" (The Wall Street Journal).

      Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
      Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
      OK