La stagione 2022/2023: scopri i 25 concerti al Teatro Carlo Felice e le modalità per abbonarti
Antico e Moderno a Palazzo Spinola

Irene Cerboncini, Caterina Picasso

8 settembre 2021 ore 17:00 Galleria Nazionale di Palazzo Spinola

INTERPRETI

  • Irene Cerboncini soprano
  • Caterina Picasso pianoforte

PROGRAMMA

  • Johann Sebastian Bach
    Preludio e Fuga in fa minore da Das Wohltemperierte Klavier Vol. I
  • Antonio Vivaldi
    Sposa son disprezzata
  • Wolfgang Amadeus Mozart
    Adagio
    dalla Sonata n. 12 in fa maggiore K 332
  • Wolfgang Amadeus Mozart
    Porgi amor da Le Nozze di Figaro
  • Béla Bartók
    Molto sostenuto dalle Bagatelle op. 6 n. 1
  • Ottorino Respighi - Gabriele D'Annunzio
    La sera
  • Béla Bartók
    Allegretto grazioso dalle Bagatelle op. 6 n. 9
  • Francesco Paolo Tosti - Gabriele D'Annunzio
    L’alba separa dalla luce l'ombra da Quattro Canzoni d'Amaranta
  • Béla Bartók
    Andante dalle Bagatelle op. 6 n.3
  • Riccardo Zandonai - Gabriele D'Annunzio
    Paolo… datemi pace da Francesca da Rimini
  • György Ligeti
    Allegro molto capriccioso da Musica Ricercata n. 6
  • Giacomo Puccini, Guelfo Civinini, Carlo Zangarini
    Laggiù nel Soledad da La Fanciulla del West
  • György Ligeti
    Cantabile molto legato da Musica Ricercata n. 8
  • Francesco Cilea, Arturo Colautti
    Io son l’umile ancella da Adriana Lecouvreur

L'ingresso ai concerti sarà con il biglietto del Museo, a € 3,00
La prenotazione è obbligatoria, contattando la GOG via e-mail a info@gog.it oppure telefonando allo 010 8698216 dal lunedì precedente fino alle ore 12 del giorno del concerto.
Si potrà prenotare un solo concerto per volta.
I posti disponibili saranno 20.

Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

ACCESSO AI CONCERTI: DISPOSIZIONI MINISTERIALI

Dal 6 agosto 2021, per disposizione ministeriale, l'accesso ai concerti è consentito a coloro in grado di presentare la certificazione verde COVID-19; tale documento accettato in forma digitale e cartacea, contiene un codice QR e un sigillo elettronico qualificato e attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore;
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.
Terminato

"Antico e Moderno" è un ciclo di tre concerti cameristici, proposti presso la Galleria Nazionale di Palazzo Spinola.
La rassegna presenta un confronto tra le opere antiche e barocche con i grandi capolavori dell'età classica, moderna e contemporanea, precedute da una breve presentazione delle caratteristiche tecniche e di repertorio degli strumenti coinvolti nei singoli programmi.
I programmi propongono composizioni dal Barocco fino a opere di autori del Novecento e contemporanei.
Il ciclo "Antico e Moderno" conclude, inoltre, i progetti didattici e formativi che ogni anno la GOG mette a disposizione degli studenti degli istituti scolastici di Genova, come i licei classici D'Oria e Colombo e l'Istituto Serale Vittorio Emanuele.

Il soprano Irene Cerboncini ha compiuto i suoi studi a Genova, dove si è laureata con il massimo dei voti in Lettere e Filosofia. Contemporaneamente alla formazione universitaria, ha studiato canto lirico sotto la guida del tenore Luciano Saldari.
Di seguito sono elencati i principali ruoli debuttati da Irene Cerboncini: Tosca (1994/95: Germania, Inghilterra); Il Trovatore (1995: Germania, Inghilterra; 2000: Rovigo, Pisa, Lucca, Trento); Turandot (1997: Londra; 2003: Teatro Carlo Felice; 2004: Teatro alla Scala; 2007: Teatro Regio di Parma); Madama Butterfly (1998: Londra; 2003: Zagabria); La Bohème (1999: Scottish Opera; 2006: Messico); La Fanciulla del West (2001: Lucca, Bergamo, Pisa, Livorno, Ascoli Piceno; 2005: Teatro Carlo Felice, Coven Garden; 2007: Messina; 2016: Teatro alla Scala, 2019: Torre del Lago, Festival Puccini); Aida (2000: Bordeaux, Strasburgo; 2001: Maribor; 2002: Pavia, Catania;  2005: Siberia, Teatro di Chelyabinsk; 2007: Seoul); Il Tabarro (2002: Bergamo, Lucca, Novara); Fedora (2004: Teatro alla Scala; 2008: Bruxelles; 2015: Teatro Carlo Felice); Salomé (2005: Opera di Nizza); Le Villi (2006: Teatro Sociale di Como); Adriana Lecouvreur (2007: Teatro alla Scala); La Forza del Destino (2016: Teatro Carlo Felice); Don Carlo (2017: Teatro Carlo Felice); Manon Lescaut (2017, presso Associazioni Liriche).

Tra i più importanti impegni artistici si segnalano i seguenti.

Nel 2003 debutto di Turandot al Teatro Carlo Felice di Genova diretta da Bruno Bartoletti, con la regia di Giuliano Montaldo per la prima esecuzione italiana del finale di Luciano Berio.

Nel 2004 ha interpretato nuovamente Turandot per il Teatro alla Scala (direttore Carlo Rizzi, regia di Keita Asari), sempre nel 2004 è tornata al Teatro alla Scala con Fedora diretta da Stefano Ranzani, regia di Lamberto Puggelli.

Nel 2005 è stata ancora al Teatro Carlo Felice di Genova come protagonista de La Fanciulla del West diretta da Nicola Luisotti, con la regia di Piero Faggioni, produzione riproposta al Covent Garden.

Nel 2005 all’Opéra di Nizza ha debuttato Salome (Richard Strauss, versione francese) diretta da Marco Guidarini, con cui ha eseguito in ottobre a Montecarlo il Requiem di Giuseppe Verdi.

Nel 2007 ha tenuto un Recital di arie pucciniane a Tokyo, ha cantato il ruolo di Turadot al Regio di Parma diretta da Donato Renzetti, ha debuttato Adriana Lecouvreur al Teatro alla Scala, è tornata ad interpretare Minnie ne La Fanciulla del West sotto la direzione del Maestro Maurizio Arena.

Ha debuttato inoltre il ruolo di Leonora nell'Oberto, Conte di San Bonifacio a Busseto per il Festival Verdiano sotto la direzione di A. Allemandi.

Ha riproposto il ruolo di Aida a Seoul accanto al M° Giacomini.

Nel 2008 ha debuttato il ruolo di Desdemona nell'Otello a Tokyo, ha cantato Mimì ne La Bohème al Festival di Solothurn, ha collaborato al corso di composizione del Maestro Fabio Vacchi per il Centro Italiano Studi Skrjabiniani. Ha cantato Fedora a Bruxelles diretta da A. Veronesi.

Nel 2009 ha debuttato il ruolo di Maddalena nell'Andrea Chenier di U. Giordano al Teatro Le Capitole di Toulouse, sotto la direzione di P. Steinberg.

Nel 2010 ha cantato nuovamente nell'Andrea Chenier presso il Teatro dell'Opera di Marsiglia diretta da M. Fabrizio Carminati. 

Nel  2012 ha interpretato Minnie ne La Fanciulla del West al Teatro dell’Opera di Helsinki.

Sempre nel 2012 ha debuttato il ruolo di Santuzza nella Cavalleria Rusticana a Genova, Teatro Verdi.

Nel 2013 ha partecipato allo spettacolo "Telecamere su Verdi" all’Auditorium del Teatro Carlo Felice, nell’ambito delle Celebrazioni Verdiane e presso l’Opera Giocosa di Savona.
Presso il Teatro Carlo Felice di Genova ha partecipato, sotto la direzione del M° M. Billi al Concerto per il 150° di Pietro Mascagni.

Sempre nel 2013 ha interpretato Desdemona nell'Otello di G. Verdi presso il Teatro Verdi di Genova.

Nel 2014  ha cantato Tosca al Teatro Goldoni di Livorno diretta dal M° M. Beltrami e ha tenuto alcuni recital a New York

Nel 2015 ha cantato Fedora al Teatro Carlo Felice di Genova sotto la direzione del M° Valerio Galli.

Il 31 ottobre 2015 ha tenuto un recital per Papa Francesco presso la Sala Nervi del Vaticano.

Nel novembre 2015 è tornata a interpretare Santuzza nella Cavalleria Rusticana al Festival Marenco.

Nel maggio 2016 viene chiamata d'urgenza a cantare La Fanciulla del West al Teatro alla Scala, diretta da Riccardo Chailly, nella versione originale, precedente alla prèmiere.

Nel giugno 2016 ha debuttato il ruolo di Leonora ne La Forza del Destino di Giuseppe Verdi al Teatro Carlo Felice di Genova, diretta da Andrea Battistoni

In ottobre, sempre al Teatro Carlo Felice, ha cantato il Gloria di François Poulenc diretta da Wayne Marshall.

Nel 2017 ha debuttato nel Don Carlo il ruolo di Elisabetta di Valois al Teatro Carlo Felice, direttore V. Galli, e ha debuttato Manon Lescaut.

Nel 2018 ha tenuto numerosi recital in Italia, Francia e Spagna e alcune Masterclasses.

A Genova, il 14 dicembre 2018, ha eseguito il Requiem di Mozart in memoria delle vittime del Ponte Morandi.

A luglio 2019, La Fanciulla Del West, Festival Puccini, Torre Del Lago, diretta dal M° Gianna Fratta.

Da sempre impegnata in concerti per beneficenza, Irene Cerboncini è anche Donatrice di Musica, presso il reparto di Oncologia dell'ospedale San Martino di Genova.

Caterina Picasso, nata a Genova, si diploma in pianoforte sotto la guida di Luciano Lanfranchi al Conservatorio "N. Paganini" della sua città. Ottiene la laurea di secondo livello con 110/110 e lode nella classe di Claudio Proietti. Si perfeziona con Paolo Bordoni,Naum Shtarkmann, Giuseppe Scotese e con Paul Badura-Skoda all'Accademia Chigiana di Siena.
Ottiene il primo premio al Concorso "Città di Torino" (1986) e si qualifica in vari Concorsi Nazionali ed Internazionali.
Nel 2002 riceve il "Premio Speciale Sonata Classica" al Concorso Internazionale Città di Vasto. Caterina Picasso è chiamata ad esibirsi in varie città sia in Italia sia all'estero.
Ha frequentato un corso di specializzazione tenuto da Pietro Borgonovo e organizzato dalla Giovine Orchestra Genovese sulla musica contemporanea e del Novecento.
Ha partecipato al concerto in ricordo di Luigi Cortese nel centenario della nascita, tenuto, a cura del Comune di Genova, a Palazzo Tursi (7 Ottobre 1999), nell'ambito del quale si è esibita solista e in duo con Mario Trabucco (violino) e Riccardo Agosti (violoncello). Durante le manifestazioni per il centenario Verdiano ha tenuto un concerto con la violinista Bin Huang.
Caterina Picasso come pianista-direttore musicale con il Teatro Stabile di Genova nello spettacolo di Brecht "Madre Courage e i suoi figli" con Mariangela Melato (regia di Sciaccaluga e musiche di Dessau e Boccadoro) e "La Centaura" (regia di Luca Ronconi).
Incide musiche di scena per il Teatro Stabile di Genova, la compagnia Lavia, il Teatro Stabile di Firenze e il Museo del Risorgimento (musiche di Andrea Nicolini).
Caterina Picasso è docente di ruolo di pianoforte presso l’Istituto Comprensivo Santa Margherita Ligure e il Liceo Musicale Coreutico Statale "S. Pertini" di Genova.
La critica evidenzia le sue "ineccepibili doti di tecnica e di eleganza di suono" (La Stampa 22/06/1997).
Caterina Picasso è dottore in Matematica.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK