Le Sinfonie di Beethoven: Palazzo Ducale, 6, 7 e 17 novembre 2021
Stagione Autunno 2021

Quartetto Noûs

20 dicembre 2021 ore 20:30 Teatro Carlo Felice Acquista i biglietti

INTERPRETI

  • Quartetto Noûs
    Tiziano Baviera, Alberto Franchin violino
    Sara Dambruoso viola
    Tommaso Tesini violoncello

PROGRAMMA

  • Franz Joseph Haydn
    Quartetto in re minore Hob.III:43
  • Adriano Guarnieri
    Dies Irae
    Prima esecuzione assoluta
  • Ludwig van Beethoven
    Quartetto n. 13 in si bemolle maggiore op. 130

Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

ACCESSO AI CONCERTI: DISPOSIZIONI MINISTERIALI

Dal 6 agosto 2021, per disposizione ministeriale, l'accesso ai concerti è consentito a coloro in grado di presentare la certificazione verde COVID-19; tale documento accettato in forma digitale e cartacea, contiene un codice QR e un sigillo elettronico qualificato e attesta una delle seguenti condizioni:

  • aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale);
  • essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore;
  • essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi.
Foto
Video

Il Quartetto Noûs, formatosi nel 2011, si è affermato in poco tempo come una delle realtà musicali più interessanti della sua generazione. 
Le sue coinvolgenti interpretazioni sono frutto di un percorso formativo nel quale la tradizione italiana si fonde con le più importanti scuole europee.
I componenti hanno frequentato l’Accademia "Walter Stauffer" di Cremona nella classe del Quartetto di Cremona, la Musik Akademie di Basilea studiando con Rainer Schmidt (Hagen Quartett), l'Escuela Superior de Música "Reina Sofia" di Madrid e l’Accademia Musicale Chigiana di Siena con Günter Pichler (Alban Berg Quartett) e la Musikhochschule di Lubecca con Heime Müller (Artemis Quartett).
Nel 2014 il Quartetto Noûs è stato selezionato per il progetto "Le Dimore del Quartetto" grazie al quale è vincitore di una borsa di studio per l'anno 2015.
Nel 2015 si è aggiudicato il Premio "Piero Farulli", assegnato alla migliore formazione cameristica emergente nell'anno in corso, nell’ambito del XXXIV Premio "Franco Abbiati", il più prestigioso riconoscimento della critica musicale italiana.
Il Quartetto Noûs ha ricevuto inoltre dal Teatro La Fenice di Venezia il Premio "Arthur Rubinstein – Una Vita nella Musica" 2015 … per essersi rivelato una delle formazioni più promettenti della musica da camera italiana ed aver dimostrato, nella sua ancor breve carriera, di saper affrontare la grande letteratura per quartetto in maniera matura, cercando un’interpretazione ragionata e non effimera del repertorio classico-romantico e del Novecento, proseguendo allo stesso tempo una ricerca seria e non episodica anche all'interno dei linguaggi della musica d'oggi.
La versatilità e l’originalità interpretativa dell'ensemble si manifestano in tutto il repertorio quartettistico e l'attenzione ai nuovi linguaggi compositivi lo spingono a cimentarsi in performance innovative come suonare a memoria e totalmente al buio.

Accanto al Quartetto n. 35 in fa minore, op. 20 n. 5 - partitura che mostra le innovazioni introdotte da Haydn sulla scrittura canonica per Quartetto, basata sull'equilibrio tra le voci, non più dominate solo dai due violini, ma con la partecipazione a pieno titolo anche dei timbri più gravi, e al Quartetto n. 13 in si bemolle maggiore op. 130 di Beethoven, che si rifà al modello del Divertimento settecentesco, il Quartetto Noûs eseguirà in prima assoluta Dies Irae di Adriano Guarnieri

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK