Guarda il video con dediche "La GOG è grande musica sempre"
Stagione 2019/2020

La GOG è grande musica sempre: video con dediche

12 aprile 2020 ore 12:00 Teatro Carlo Felice

INTERPRETI

  • Ton Koopman clavicembalo
  • Lucio Perotti pianoforte
  • Daniele Orlando violino
  • Fabio Bagnoli oboe
  • Gianluca Sulli clarinetto
  • Filippo Gorini pianoforte
  • Sergej Krylov violino
  • Lilya Zilberstein pianoforte
  • Gabriele Pieranunzi violino
  • Ian Bostridge tenore
  • Cristiano Burato pianoforte
  • Roberto Trainini violoncello
  • Giuseppe Albanese pianoforte
  • Fabrizio Falasca violino
  • Fabio Bonizzoni clavicembalo
  • Barnabás Kelemen, Katalin Kokas violini
  • Saluto al pubblico della GOG e di Genova di Corina Belcea e Antoine Lederlin del Belcea Quartet
  • Saluto al pubblico della GOG e di Genova dei The King's Singers

PROGRAMMA

  • Johann Sebastian Bach
    Aria dalle 30 Variazioni in sol maggiore per clavicembalo, BWV 988 "Variazioni Goldberg"
    Ton Koopman, clavicembalo
  • Frederic Rzewski
    Winnsboro Cotton Mill Blues
    Lucio Perotti, pianoforte
  • Johann Sebastian Bach
    Sonata n. 3 in do maggiore per violino, BWV 1005: IV - Allegro assai
    Daniele Orlando, violino
  • György Kurtág
    ... ein Brief aus der Ferne an Ursula per oboe solo
    Fabio Bagnoli, oboe
  • Igor Stravinskij
    Tre pezzi per clarinetto solo
    Gianluca Sulli, clarinetto
  • Ludwig van Beethoven
    Trentatré Variazioni in do maggiore su un Valzer di Diabelli, op. 120: Largo, molto espressivo
    Filippo Gorini, pianoforte
  • Niccolò Paganini
    Tema dal Capriccio n. 24 per violino solo
    Sergej Krylov, violino
  • Sergej Ivanovič Taneev
    Prelude and Fugue, op. 29
    Lilya Zilberstein, pianoforte
  • Niccolò Paganini
    Introduzione e variazioni in sol maggiore per violino solo sul tema "Nel cor più non mi sento" dalla "Molinara" di Paisiello
    Gabriele Pieranunzi, violino
  • Benjamin Britten
    Da Folk Songs, volume 3: "O waly, waly"
    Ian Bostridge, tenore
  • Felix Mendelssohn-Bartholdy
    Dai Lieder ohne Worte op. 30: Venezianisches Gondollied, op. 30 n. 6
    Cristiano Burato, pianoforte
  • Max Reger
    Suite n. 1 op. 131c: Andante sostenuto
    Roberto Trainini, violoncello
  • Pëtr Il'ič Čajkovskij - Mikhail Pletnëv
    "Andante Maestoso - Pas de Deux" da "Lo Schiaccianoci", suite per pianoforte
    Giuseppe Albanese, pianoforte
  • Johann Sebastian Bach
    Partita n. 2 in re minore per violino solo, BWV 1004: I - Allemande; IV - Gigue
    Fabrizio Falasca, violino
  • Georg Friedrich Händel
    Suite in sol minore HWV 432: IV - Passacaglia
    Fabio Bonizzoni, clavicembalo
  • Béla Bartók
    Dai 44 Duetti per violini divisi in 4 libri Sz 98: 28. Bánkódás (Angoscia) - Lento, poco rubato
    Barnabás Kelemen, Katalin Kokas, violini
  • Saluto al pubblico della GOG e di Genova di Corina Belcea e Antoine Lederlin del Belcea Quartet
  • Saluto al pubblico della GOG e a Genova dei The King's Singers
Terminato

La GOG offre agli abbonati e al pubblico un evento imperdibile per la domenica di Pasqua: un intero video con dediche in streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube che ospita alcuni dei più grandi protagonisti delle ultime stagioni. Le registrazioni, dedicate alla GOG, sono realizzate nelle abitazioni dei musicisti che le hanno prodotte.
Un'ora di Grande Musica, dalle pagine barocche di Händel a quelle novecentesche di Benjamin Britten e Béla Bartók, fino alle contemporanee di György Kurtág, per far arrivare nelle case di tutti l'immortalità dei capolavori della storia della musica, che non conosce distanze, né barriere.

Ton Koopman, dopo una formazione classica, si è dedicato allo studio dell'organo, del clavicembalo e della musicologia ad Amsterdam. Attratto dagli strumenti antichi e dalla prassi filologica, Ton Koopman ha da subito concentrato i suoi studi sulla musica barocca, con particolare attenzione a Bach, ed è presto diventato una figura di riferimento nel movimento dell'interpretazione antica.
Lucio Perotti è solista e primo pianoforte presso il Teatro dell'Opera di Roma. 
Daniele Orlando è dal 2014 violino di spalla dei Solisti Aquilani ed è stato membro dell’Orchestra Mozart diretta da Claudio Abbado. 
Fabio Bagnoli collabora come primo oboe con l'Orchestra Verdi di Milano, il Teatro dell’Opera di Roma, i Fiati di Parma ed i Filarmonici Romani. 
Gianluca Sulli è primo clarinetto dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese e ha collaborato con l'Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia e I Solisti Aquilani.
L’effervescente musicalità, il virtuosismo strabiliante come raffinato strumento sempre al servizio dell’espressività, l’intenso lirismo e la bellezza del suono, sono solo alcuni elementi che hanno reso Sergej Krylov uno dei più rinomati artisti del panorama internazionale. Nato a Mosca, Krylov ha iniziato lo studio del violino a cinque anni completando la sua formazione alla Scuola Centrale di Musica di Mosca. Ha vinto tre Primi Premi in importanti concorsi internazionali: Concorso Lipizer, Concorso Stradivari e Concorso Kreisler di Vienna.
Lilya Zilberstein è salita alla ribalta internazionale con la vittoria al Concorso "Busoni" di Bolzano nel 1987. Da allora ha intrapreso una carriera internazionale che l’ha portata ad essere invitata nel 1991 dai Berliner Philharmoniker diretti da Claudio Abbado. Nel 1998 le è stato attribuito a Siena il Premio Internazionale Accademia Musicale Chigiana e dal 2011 è titolare della classe di Pianoforte della prestigiosa accademia senese.
Gabriele Pieranunzi si è imposto all'attenzione di pubblico e critica come uno dei migliori violinisti italiani della sua generazione. Pieranunzi si è affermato in numerosi concorsi internazionali e ha vinto due premi al Concorso Paganini, nel 1988 e 1990. 
Ian Bostridge frequentava il post-dottorato in storia presso il Corpus Christi College di Oxford prima di dedicarsi a tempo pieno alla carriera di cantante. I suoi recital internazionali includono le più famose concert hall e i festival di Salisburgo, Edimburgo, Vienna, Aldeburgh e il festival Schubertiade. Ha debuttato nell’opera nel 1994, cantando Lysander in A Midsummer Night’s Dream di Britten con la Opera Australia al Festival di Edimburgo. 
Cristiano Burato si è imposto sulle scene internazionali con la vittoria al Concorso Internazionale “Dino Ciani - Teatro alla Scala” di Milano. Cristiano Burato è stato nominato membro della Direzione Artistica del Concorso Pianistico Internazionale "Busoni" e ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica Italiana per meriti artistici.
Nato a Bari nel 1975, Roberto Trainini si é affermato come un completo violoncellista, sia come camerista che come solista, con un repertorio che spazia dal primo Barocco alla musica contemporanea. È professore di violoncello presso il Conservatorio "Monteverdi" di Bolzano, all'Academia de Arte de Florencia a Città del Messico e, dal 2012, è professore invitato all'Oskar Kolberg College of Music di Radom in Polonia.
Giuseppe Albanese ha vinto nel 2003 il primo premio al “Vendome Prize”. La sua carriera concertistica è riconosciuta a livello internazionale e lo ha portato a esibirsi nelle sale e nei festival più importanti al mondo. Ha debuttato nel 2014 per etichetta Deutsche Grammophon con l'album "Fantasia", cui è seguito nel 2015 “Après une lecture de Liszt”.
Definito “un grande talento violinistico con una tecnica brillantissima unita ad una elevata maturità di espressione musicale”, Fabrizio Falasca è stato nominato nel 2016 Assistant Concertmaster della Philharmonia Orchestra di Londra, posizione che ricopre attualmente.
Fabio Bonizzoni, considerato tra i principali clavicembalisti e organisti della sua generazione, si è diplomato in organo barocco e in clavicembalo al Conservatorio dell’Aia studiando con Ton Koopman. Dal 2004 si dedica esclusivamente alle sue attività di solista e direttore, in particolare della sua orchestra La Risonanza.
Considerato dal The Guardian «un artista dall’innata musicalità con un’esecuzione tecnica degna solo dei migliori», Barnabás Kelemen, uno dei principali violinisti della sua generazione, ha conseguito importanti riconoscimenti in Concorsi internazionali, da Salisburgo a Bruxelles a Indianapolis. Fondatore del Kelemen Quartet, con cui ha vinto i concorsi di Melbourne, Beijing e il Premio Paolo Borciani, si è esibito in tutte le maggiori sale da concerto del mondo.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK