Le Sinfonie di Beethoven: Palazzo Ducale, 6, 7 e 17 novembre 2021

"Tagli di luce": introduzione del compositore Adriano Guarnieri

Adriano Guarnieri

Riguardo a Tagli di luce, il compositore Adriano Guarnieri scrive:

Il brano presenta le caratteristiche “di un concerto grosso” in quanto vi è un’alternanza della grande orchestra con un piccolo gruppo cameristico della stessa orchestra sinfonica. Vi sono improvvise accensioni delle quattro trombe che fuoriescono dal magma sonoro. Lampi improvvisi che si alternano a slanci lirici di pochi strumenti, penetranti e visionari, sospesi... Questa alternanza diventa dialogica e speculare, perché basata su pochi intervalli fissi di tutto il brano. Sono pensati questi squarci come tagli su una tela (da qui l'omaggio a Lucio Fontana ed ai suoi tagli verticali su tela, che hanno anche un doloroso ed inquietante significato esistenziale). La grande forma sinfonica (cioè lo spazio fisico e sonoro presente anche in Fontana) si svolge con agglomerati materici che si sciolgono poi in linee liriche assai espressive. Il colore timbrico di tutto il brano, dovuto a coaguli e spessori, si fa dapprima scuro per poi susseguirsi in luminose cesure taglienti tratteggiate da tutti gli ottoni. Anche da ciò viene dedotto l'omaggio pittorico ai famosi tagli di Fontana.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK