Trio Jean Paul

"Le interpretazioni del Trio Jean Paul possiedono il segno di un’intelligenza che trasmette la gioia del suono e ricche di una curiosità passionale: drammaticamente sorprendenti ma sempre di una chiarezza delicata, solisticamente proposte ma pervase da un senso poetico del dialogo strumentale".
Questo scriveva il Tagesspiegel di Berlino a proposito di un concerto del Trio Jean Paul alla Filarmonia berlinese, tanto da essere il credo artistico di questo ensemble, fondato nel 1991, divenuto nel frattempo una delle formazioni da camera oggi più ricche di personalità.
La scelta del nome esprime solamente una loro affinità particolare con la musica di Robert Schumann ma anche la scelta artistica preminente, quella di fare degli elementi linguistici ed espressivi del testo musicale il punto di partenza delle loro interpretazioni. Un simile approccio determina non solo un nuovo modo di lettura delle opere classiche che si rifanno ai principi della musica barocca, ma attraversa anche l’idea romantica della "musica poetica", fino alla musica del nostro tempo.
Molti celebri compositori contemporanei hanno, infatti, accettato questa loro scelta interpretativa e hanno loro dedicato vari trii: Brett Dean, Gordon Kerry, Martin Christoph, Michael Denhoff.
Lo sviluppo artistico del Trio Jean Paul è stato segnato dalla loro intensa collaborazione con Hatto Beyerle del Quartetto Alban Berg, e da altre sollecitazioni significative ricevute da Nikolaus Harnoncourt e Sir Roger Norrington.
Dopo i primi premi ricevuti ai Concorsi Internazionali di Osaka (1993), Melbourne (1995) e al German Music Competition, riconoscimento che da dieci anni non veniva assegnato ad un trio, una intensa attività concertistica si è andata sviluppando, trasformando il Trio Jean Paul in ospite regolare delle grandi metropoli musicali quali Londra, Berlino, Amsterdam, Parigi, Bruxelles e conducendo l’ensemble in tournée in Australia, Giappone, Nuova Zelanda e Stati Uniti.
Il Trio Jean Paul è egualmente invitato dai Festival Internazionali (Schleswig-Holstein, Eté de Kissing, Festival di Ludwigsburg, Braunschweig Classix, Schubertiade di Feldkirch, Reinghau Festival, Khumo).
Assai ricca è la discografia, comprendente i trii di Mendelssohn hanno ricevuto nel 2009 il Super Sonic Award in Lussenburgo, i trii di Schumann, Beethoven, Brahms e Schoenberg. Quest’ultimo CD ha ricevuto il Deutchen Schallplattenkritik nel 2005.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK