News

"Antico e Moderno": tre concerti alla Galleria Nazionale di Palazzo Spinola

Torna nella bellissima sala del piano nobile della Galleria Nazionale di Palazzo Spinola la serie di concerti intitolata Antico e Moderno. Nel corso del mese di settembre si svolgono i tre appuntamenti con programmi che alternano composizioni antiche o classiche a quelle novecentesche. Ogni concerto è accompagnato da una presentazione mirata ad inquadrare storicamente le composizioni in programma.
Antico e Moderno introdurrà l'oboista Guido Ghetti, il violinista Pier Domenico Sommati, il violista Giuseppe Francese, il violoncellista Giulio Glavina e i pianisti Amedeo SalvatoGuido Bottaro.

Le tre Romanze di Schumann sono pensate dall’autore per l’oboe, sebbene nell’edizione a stampa, come d’uso all’epoca nelle opere da camera, vengano proposti anche il violino o il clarinetto. Le indicazioni di Schumann alludono ad una musica non veloce e semplice, ma ciò che colpisce è l’intenso dialogo tra i due strumenti, l’oboe e il pianoforte, eleggendo a protagonista il timbro dello strumento a fiato. La Sonata in Trio di Bach è un prezioso esempio di composizioni scritte con scopo pedagogico, essa come la altre cinque nella stessa raccolta, vuole favorire la formazione del figlio Wilhelm Friedmann allo scopo di prepararlo tecnicamente e musicalmente alla carriera virtuosistica. La complessità del materiale musicale è in realtà celata dalla bellezza e dalla grazia dell’invenzione musicale.

Il Divertimento in mi bemolle maggiore è l’unica composizione scritta dal genio salisburghese per trio d’archi. È uno dei più affascinanti ed espressivi capolavori di  musica da camera dell’intera storia della musica. Composto nella forma del Divertimento, alternando due Allegri con due movimenti di danza, due movimenti lenti di cui uno con variazioni, si apre con una frase all’unisono suonata dai tre strumenti che subito si consegna alla ormai completa abilità contrappuntistica dell’autore maturo sviluppando arditi cambi di tonalità, sorprese ritmiche e delicatezze assolute. Presentato per la prima volta al Festival di Salisburgo del 1926, il Trio di Paul Hindemith è un esempio dello stile personalissimo del compositore tedesco, perennemente alla ricerca dell’equilibrio fra la tradizione formale classica, se non antica, e l’apertura alla politonalità, alla ricchezza di invenzione ritmica desunta dalle tradizioni di altri continenti da poco tempo al servizio di tanta musica composta nel primo novecento.

Nel programma di violino e pianoforte spiccano le due composizioni di Prokof’ev e Messiaen; la prima deriva dalla versione originale per voce e pianoforte ed è stata suggerita dal violinista polacco Pavel Kochanski, insegnante della Juilliard School a New York alla ricerca di nuova musica per violino, la seconda composta e dedicata da Messiaen alla prima moglie violinista, tragicamente scomparsa. L’arte del compositore di Avignone emerge in tutta la sua maestria caratterizzata dall’abilità nell’uso numerologico della metrica e dal susseguirsi delle variazioni proporzionale alla accelerazione dei tempi e della velocità d’esecuzione.

---

PROGRAMMA

Mercoledì 12 settembre, ore 17:30 
Guido Ghetti, oboe
Amedeo Salvato, pianoforte

Robert Schumann
Romanzen op. 94

Ernst Krenek                                                                                                                     
Vier Stücke für Oboe und Klavier  

Johann Sebastian Bach                                                                                                 
Trio sonate in mi bemolle maggiore n. 1

Benjamin Britten                                                                                                                   
Temporal Variations for oboe and piano 


Mercoledì 19 settembre, ore 17:30 
Pier Domenico Sommati, violino
Giuseppe Francese, viola
Giulio Glavina, violoncello

Wolfgang Amadeus Mozart
Divertimento in mi bemolle maggiore per archi K 563 "Gran Trio"

Paul Hindemith                                                                                                   
Trio per archi n. 1 op. 24  

Mercoledì 26 settembre, ore 17:30 
Pier Domenico Sommati, violino
Guido Bottaro, pianoforte

Johann Sebastian Bach 
Sonata n. 3 per violino solo in do maggiore BWV 1005

Franz Schubert                                                                                                                     
Rondo in di minore minore per pianoforte e violino D895 

Sergej Prokof’ev                                                                                                 
5 Mélodies op. 35

Olivier Messiaen                                                                                                                   
Thème et variations per violino e pianoforte

Calendario spettacoli

< Novembre 2018 >
L M M G V S D
1 2 3 4
6 7 8 9 10 11
12 14 15 16 17 18
20 21 22 23 25
27 28 29 30