La stagione 2022/2023: scopri i 25 concerti al Teatro Carlo Felice e le modalità per abbonarti
Liguria delle Arti

Liguria delle Arti: Riccardo Guella

24 giugno 2022 ore 21:00 Oratorio di Nostra Signora di Castello

Liguria delle Arti - Lo spettacolo della bellezza
5° edizione
- dal 24 giugno al 27 agosto 2022

Venerdì 24 giugno, ore 21
Ingresso libero

Savona, Oratorio Nostra Signora di Castello
Via Manzoni

PROGRAMMA

  • Beatrice Astrua storica dell’arte
    racconta il Polittico di Vincenzo Foppa e Ludovico Brea
  • Riccardo Guella chitarra
    esegue Niccolò Paganini, Pier Costantino Remondini, Federico Orsolino
  • Pino Petruzzelli
    legge Giuseppe Mazzini, Camillo Sbarbaro, Italo Calvino

ORARI E PRENOTAZIONI

Inizio evento alle ore 21.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Ampio parcheggio a disposizione.
L'evento si svolgerà in ottemperanza alle disposizioni di legge.

DONA ORA

Sostieni con noi la musica che ami.
Fai ora la tua donazione.

Scegli la tua musica: destina il tuo 5x1000 alla GOG.
Codice fiscale 80007850102

Leggi l'Informativa art. 13 Reg. UE 2016/679, per il trattamento dei dati personali in ottemperanza alle normative anti COVID

Terminato

Liguria delle Arti - Lo Spettacolo della Bellezza è un viaggio alla scoperta della nostra regione attraverso dipinti, sculture, poesie e musiche.
Un affascinante circuito che collega le arti agli splendidi borghi di Liguria tra ulivi, mare, viti e muretti a secco.

La partecipazione a Liguria delle Arti ci offre la possibilità di condividere l’entusiasmo verso il rispetto e l’incontro tra architettura, musica e scrittura - sottolinea il Direttore Artistico della GOG Pietro Borgonovo - Ascoltare una lettura e un suono musicale in un luogo significativo genera un esplosivo sentimento di gioia. La Giovine Orchestra Genovese è come sempre felice di collaborare con Pino Petruzzelli e presenta quest’anno artisti capaci di donare al suono dei loro strumenti l’emozione musicale nata dalla forza del timbro e del riverberare in un luogo altrettanto affascinante.

C’era una volta a Savona un’antica cattedrale. Era in un luogo meraviglioso: un promontorio roccioso a picco sul mare. Ma in quel periodo c’era anche una guerra fra Savona e Genova. Era il 1528 quando Genova, dopo aver distrutto l’antica città dentro le mura, impose alla sconfitta Savona di demolire la cattedrale per poterla sostituire con la fortezza Priamar. Quel Priamar che “porta con sé secoli e avvenimenti e persone” come scrisse Italo Calvino e dove fu imprigionato Giuseppe Mazzini che in quella cella elaborò Pensieri a cui anni dopo avrebbe dato concretezza. I savonesi ebbero due soli giorni per mettere in salvo tutto ciò che si trovava in quella cattedrale. Un’opera fu portata nell’Oratorio Nostra Signora di Castello. Caro lettore, entra in questo Oratorio che è sede della più antica Confraternita di Savona. Immerso in stucchi rococò, porta lo sguardo sopra l’altare. Lì, una delle opere più interessanti di tutta la Liguria: il grandioso Polittico di Vincenzo Foppa che poi fu completato da Ludovico Brea. È un’opera realizzata in sette scomparti su quattro livelli. Protagonisti sono una Madonna con bambino e i Santi. Uno straordinario polittico che vale un viaggio.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK