Quest'anno puoi donare il 5 e il 2 per mille alla GOG: scopri come
Rolli Days Live & Digital

Rolli Days Live & Digital: Simone Cricenti & Friends

15 maggio 2021 ore 18:00 Chiesa di S.Luca

Rolli Days Primavera 2021 - Live & Digital

GOG Giovine Orchestra Genovese
in collaborazione con Fondazione Spinola

Parrocchia Gentilizia di San Luca
Sabato 15 maggio, ore 18

  • Simone Cricenti violoncello
  • Francesca Del Grosso violino
  • Teresa Valenza violino
  • Giulia Ermirio viola
  • Marina Firpo flauto
  • Matilda Colliard violoncello

PROGRAMMA

  • Wolfgang Amadeus Mozart
    Ave Verum Corpus K 618
    (adattamento di Giulia Ermirio)
    Teresa Valenza violino Simone Cricenti violoncello
  • Wolfgang Amadeus Mozart
    Quartetto con flauto in re maggiore K 285
    Marina Firpo flauto
    Francesca Del Grosso violino
    Giulia Ermirio viola Simone Cricenti violoncello
  • Jacques Offenbach
    Duo per violoncelli op. 54 n. 1
    Matilda Colliard violoncello I Simone Cricenti violoncello II

Ingresso libero con prenotazione obbligatoria al numero 3351218353 a partire da lunedì 10 maggio.

Venerdì 14, sabato 15 e domenica 16 maggio 2021 Genova ospiterà l'edizione primaverile dei Rolli Days Live & Digitalun'inedita formula per scoprire le meravigliose dimore storiche nobiliari genovesi, Patrimonio UNESCO dal 2006, che affianca alle visite dal vivo in totale sicurezza - esclusivamente su prenotazione - un ricco palinsesto di visite virtuali e di video a cura di uno staff di divulgatori qualificati.

Anche questa edizione dei Rolli Days permetterà di visitare digitalmente, in anteprima assoluta, alcuni siti inediti o all'interno dei quali sarebbe stato difficile - o impossibile - recarsi fisicamente con il pubblico.
In questo nuovo appuntamento si potrà scoprire alcune delle più significative ville urbane e suburbane della Repubblica di Genova, edificate dalle nobili famiglie genovesi.
Sarà possibile quindi vivere con sempre maggiore partecipazione il patrimonio della città di Genova, e il tessuto monumentale che ruota intorno ai Palazzi dei Rolli e alla società che li edificò, decorò e arricchì durante i cent’anni del Siglo de los genoveses.

Nato a Genova, Simone Cricenti ha studiato violoncello presso il Conservatorio N. Paganini di con Nevio Zanardi e Paolo Ognissanti, ottenendo voti brillanti. Si è perfezionato all’Accademia Santa Cecilia di Portogruaro nella classe di Enrico Bronzi e ha frequentato masterclass con Umberto Clerici, Enrico Dindo, Giovanni Gnocchi, Gabriele Geminiani.
Nel percorso formativo ha ereditato l'Arte della Relazione musicale da Carlo Costalbano, Quartetto di Cremona, Quartetto Prometeo, Delian Quartet, Xenia Ensemble, Massimiliano Damerini, Valerio Giannarelli, Marco Vincenzi, Massimo Lauricella, Marco Rizzi.
Ha un’intensa attività concertistica come membro del Quartetto Zanardi, Quartetto Januensis, in Trio con Gaia Gaibazzi e Clarissa Carafa.
Simone Cricenti ha vinto il primo premio alla Cello Tenzone 2018 come membro del Quartetto Zuena, ha suonato con Giovanni Sollima, tiene un concerto all’Ospedale San Donato e viene selezionato per Crossover Fridays con Milano classica, con ospiti come Remo Anzovino e Davide Locatelli.
Ha realizzato con Misentotale i singoli "Schiena contro schiena" e "Cambio di stagione", aperto alla Rappresentante di lista al Balena festival 2019.
A 14 anni Simone Cricenti ha suonato da solista con l'Orchestra del Conservatorio, ed è stato premiato nel concorso "Victor de Sabata", sotto la direzione di Nevio Zanardi.
Selezionato per l’Orchestra Nazionale dei Conservatori, Simone Cricenti si è esibito al Quirinale per la trasmissione televisiva "Tutti a scuola" al cospetto del Presidente Napolitano e a Sondrio, del Presidente Mattarella. Con la stessa ha realizzato le due serate televisive “Live in Arena” con Gianni Morandi, Ennio Morricone presso l’Arena di Verona.
Come membro dell’Orchestra nazionale dei conservatori italiani partecipa alla tournèe Trieste-Belgrado-Novi Sad (Serbia).
Nel 2012 è stato selezionato e ha partecipato al tour italiano della PYO orchestra, suonando al Teatro Carlo Felice di Genova, Piazza della Signoria a Firenze, Conservatorio Santa Cecilia di Roma, Festival di Ravello.
Con l’Accademia del Teatro alla Scala ha partecipato alle illustri produzioni con Roland Boer, Manfred Honeck, David Coleman, Marco Guidarini, Pietro Mianiti, Marc Albrecht, Placido Domingo, Vladimir Fedoseyev e Daniel Oren, con ospiti illustri, fra cui Leo Nucci, suonando presso il Teatro alla Scala di Milano, Auditorium Rai di Torino, Teatro Donizetti di Bergamo, Teatro Grande di Brescia, Teatro delle Muse di Ancona, Teatro Petruzzelli di Bari, Teatro "M. Bellini" di Catania, Stadthalle di Singen (Germania), Ithra King Abdulaziz Center di Dhahran (Arabia Saudita). Come violoncellista dell’Orchestra del Gran Teatro Puccini ha suonato per il 63°-64°-65° Festival, ha partecipato al trionfo presso il festival di Savonlinna (Finlandia), e alla "Messa di Gloria" con Andrea Bocelli nel 2018.
Simone Cricenti si occupa, al terzo anno, di Musicoterapia, con approfondimento su Arteterapia presso l'Associazione Progetto Espressione, guidata dallo Psicologo, Psicoterapeuta e Musicoterapeuta G. Gaggero.
Lavora con l’associazione "Allegro Moderato".
Simone Cricenti è Maestro collaboratore presso il Conservatorio "N. Paganini" di Genova ed è docente di violoncello e musica.
Da marzo 2020 realizza per la GOG una serie di video musicali.
Simone Cricenti suona un violoncello cremonese di Riccardo Bergonzi, vincitore del premio Bagnacavallo nel 1990.

Teresa Valenza è nata a Genova nel 1998. Dopo aver iniziato lo studio del violino sotto la guida di Donella Terenzio presso il Conservatorio Niccolò Paganini ha terminato gli studi diplomandosi a pieni voti nella classe di Vittorio Marchese, con il quale continua a studiare. Frequenta il corso annuale di violino tenuto da Cristiano Rossi ad Albese con Cassano (CO) e il corso accademico di secondo livello di viola sempre presso il Conservatorio di Genova, inizialmente con Daniel Formentelli, prima viola del teatro comunale di Bologna, poi con Flavio Ghilardi, prima viola dell’orchestra "I Virtuosi Italiani".
Parallelamente agli studi sta avviandosi all'attività professionale. È stata primo violino dell’orchestra del Conservatorio, con la quale ha avuto la possibilità di suonare sotto la direzione del Maestro Riccardo Muti. È componente dell’Orchestra Giovanile Regionale Paganini dove ricopre anche il ruolo di solista: in questa veste ha suonato presso il Consolato Italiano di Nizza (in Francia), al Palais de l'Europe di Mentone, al Teatro Carlo Felice e al Palazzo Ducale di Genova.
Ha collaborato con l'Orchestra del Monferrato (MCO), con l'Orchestra Classica di Alessandria e, in Sicilia, con il Luglio Musicale Trapanese.
Ha partecipato all’European Music Competition "Città di Moncalieri", dove ha ottenuto il secondo premio, e al Concorso Nazionale "Città di Massa" vincendo il primo premio.
Nell'anno scolastico 2019/2020 ha insegnato violino presso la scuola elementare e media dell’Istituto Comprensivo Marassi per un progetto sperimentale di avviamento alla musica.
È attualmente incaricata come docente di violino presso il Liceo Musicale Statale S. Pertini.
Ha fatto parte del gruppo pop genovese Folk&Beans esibendosi spesso sul territorio ligure e piemontese.
Membro dell’Associazione "Amici di Paganini", collabora per la realizzazione del Paganini Genova Festival.

Francesca Del Grosso è nata a Genova nel 1994 in una famiglia di musicisti ed ha iniziato  precocemente lo studio della musica e del violino.
Ha studiato al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano diplomandosi nel 2017 con il Cinzia Barbagelata. Già da giovanissima ha intrapreso lo studio del violino barocco grazie ai Maestri Susanne Scholz, Stefano Montanari ed Enrico Gatti.
È risultata prima idonea all'audizione tenuta dalla Palestine Youth Orchestra, lavorando con essa in Italia, Palestina, Israele e Giordania. Ha collaborato con diversi direttori di fama internazionale come i Maestri Daniele Rustioni, Matteo Beltrami, Yoichi Sugyama, Aldo Salvagno, Michel Piquemal, Jonas Pitkanen.
Fa parte di diverse orchestre ed ensemble tra le quali ricorda l’Orchestra del Festival Puccinano, l’Orchestra Filarmonica Pucciniana, l'Orchestra "Jean Sibelius" di Rapallo, la Bordighera Symphony Orchestra, la 150 Orchestra di Piacenza, l’Ensemble "Pro Musica Antiqua", G. E. Music Project String Trio, Duo Pio Montanari ed altre numerose realtà del territorio nazionale.
Attualmente si perfeziona sotto la guida del Maestro Andrea Franzetti e del padre Giulio Franzetti.

Giulia Ermirio si diploma in Violino e successivamente in Viola presso il Conservatorio "A. Vivaldi" di Alessandria, rispettivamente con M. Bianchi e G. Mosca.
Contemporaneamente si laurea con il massimo dei voti in Discipline e Tecniche della Pittura presso l’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova.
Si perfeziona in Viola con K. Hamilton (Concordia College, Minnesota, USA), dove approfondisce anche i propri studi frequentando i Corsi di Musica da Camera e Formazione Orchestrale.
Dopo aver vinto diverse borse di studio, frequenta numerose masterclass di strumento, musica da camera e formazione orchestrale con docenti di fama internazionale, in Italia e all'estero (Svizzera, Usa, Finlandia).
Ha al suo attivo registrazioni per: RAI Radiotelevisione Italiana, Bixio, Decca, Music Center, Punto Rec Studios, Owl Records. Insegna all'Accademia Musicale "G. Verdi" di Chiavari e alla Scuola di Musica DoReMiFaSol presso la Scuola di Danza "C. Torre" di Genova.

Nata a Genova nel 1993, Marina Firpo ha conseguito il Diploma Accademico di I livello in Flauto Traverso al Conservatorio L. Marenzio di Brescia nel 2015 sotto la guida del M° Mauro Scappini, perfezionandosi all'interno dello stesso con il M° Bruno Cavallo. 
Nel 2017 ha ottenuto il Diploma Accademico di II livello ad indirizzo interpretativo-solistico in Flauto Traverso nella Classe del M° Claudio Montafia (uno dei più brillanti allievi di Sir James Galway) al Conservatorio C. Pollini di Padova.
In precedenza si è perfezionata con il Domenico Alfano (Primo Flauto del teatro Comunale di Bologna) ed i Maurizio Valentini. 
Ha ricoperto il ruolo di Primo Flauto nell'Orchestra di Maggio diretta da Martim Sousa Tavares esibendosi al Ridotto del Teatro Grande di Brescia, nell'Orchestra dell'Università del Piemonte Orientale, nell'Orchestra di Fiati Brixiae Harmonie e nella Bigband del Conservatorio L. Marenzio diretta da Bruno Tommaso. 
Ha tenuto concerti nel panorama bresciano in duo con il pianoforte e in duo con l’arpa; a Padova si esibisce all'Auditorium C. Pollini in diverse formazioni cameristiche all’interno delle Rassegne organizzate dal Conservatorio. In Liguria è stata invitata ad esibirsi, in duo con il pianoforte e con l'Ensemble di flauti dell'Accademia Flautistica di Genova, negli eventi musicali organizzati dall’Associazione Musicamica. 
Dal 2016 fa parte del Trio in RiMa, con cui tiene concerti in Veneto e Abruzzo. Nel 2019 è stata invitata ad esibirsi all'interno del Flower Music Festival di Arenzano con il trio d'archi eseguendo alcuni dei Quartetti con flauto di Mozart, Hoffmeister ed il Quartetto n. 7 di F. Margola.
Nel volume 38 numero 2 del luglio 2019 della rivista specializzata londinese Pan - The Journal of the British Flute Society è stato pubblicato il suo articolo Berkeley, Bowen, Arnold: The Sonata for Flute and Piano in the 1940s in England. L'articolo ha lo scopo di divulgare il contenuto della sua Tesi di Biennio incentrata sulla ricerca, l'analisi e la rivalutazione di tre sonate di tre compositori inglesi: Lennox Berkeley, York Bowen e Arnold Malcolm. 

Matilda Colliard, nata da una famiglia di musicisti, inizia lo studio del violoncello a 4 anni.
Matilda è regolarmente invitata nei principali festival e istituzioni concertistiche italiane. Si esibisce anche in Europa (Francia, Svizzera, Spagna, Germania e Inghilterra) e in Cina (Beijing, Tianjn, Yangzhou, Chengdu and Harbin). È violoncellista del Trio Zandonai.
Ha pubblicato la registrazione integrale delle composizioni per violoncello e pianoforte di Beethoven per l'etichetta Da Vinci Classics e un disco con il Trio Carducci (dicembre 2018) con l'integrale dei trii di A. Arensky per BrilliantClassics.
È la prima donna italiana al mondo ad aver registrato l'integrale delle sei Suites per violoncello solo di Bach pubblicate dalla casa discografica Da Vinci Classics.

Per offrire un servizio migliore, questo sito utilizza cookies tecnici e cookie di terze parti
Continuando la navigazione nel sito web, voi acconsentite al loro utilizzo in conformità con la nostra Cookie Policy.
OK